Lug
2014, Articoli, Il Fatto Quotidiano, Pubblicazioni

Articolo pubblicato

Naufragio Lampedusa, a chi appartengono i morti?

3 ottobre ’14 – Il Fatto Quotidiano

A chi appartengono i morti di Lampedusa?
Ce lo chiediamo da un anno. Dal 3 ottobre di 365 giorni fa.
Ce lo chiediamo assistendo, qui nell’isola in questi giorni, ad un dibattito che si snoda tra la rete e i giornali, la TV e la radio, tra bar e panchine, spiagge assolate e cocktail all’happy hour, tra forum e spettacoli teatrali, musica e buffet, eventi e controeventi, manifestazioni di sdegno e contromanifestazioni d’impegno.
A chi appartengono i morti di Lampedusa?
A quelli che rendono la vita impossibile ai parenti delle donne e degli uomini che non hanno alternative e devono lasciare il loro paese? Si chiamano multinazionali. Hanno eserciti di miliziani mercenari e il cervello occupato per metà dalla finanza internazionale e per metà dal traffico di armi e di organi.
A chi appartengono i morti di Lampedusa?
Sono nei registri delle istituzioni nazionali e sovranazionali la cui lentezza e miopia traduce i morti in numeri senza corpo? Quei morti affondati o galleggianti sono nella testa dei cittadini benestanti dell’occidente che difendono i propri piccoli privilegi dietro allo spettro della crisi? Non sanno che la retorica del “non riesco ad arrivare alla fine del mese” è condita da acqua potabile, doccia calda e un tetto sulla testa? Non hanno capito che i veri poveri vivono senza tetto né legge, che per loro l’acqua potabile è una fontana a venti chilometri di distanza e i diritti un miraggio oltre il deserto e il mare?
A chi appartengono i morti di Lampedusa?
Sono copyright degli intellettuali che traducono il dolore in letteratura? Diritti d’autore per quelli che dicono “bello!” indicando il relitto di un barcone?
A chi appartengono i morti di Lampedusa?
Ai sempre-duri e sempre-puri, professionisti dell’indignazione che si oppongono a tutti e hanno le mani pulite perché se le tengono in tasca?
Oppure sono carne e sangue consacrata al Dio con l’occhio nel triangolo.
Oppure a quell’altro della mezzaluna. Da queste parti si chiamano “turchi” quelli che vengono dal sud del mare.

Ieri è passato Erri De Luca da quest’isola dove seimila teste esprimono centomila opinioni. Voleva andarsene da solo in mezzo a quel mare nel quale sono morti tanti concittadini stranieri senza nome e ci ha chiesto di far sentire le parole che aveva voglia di dire.
Ha buttato un mucchio di sale affinché la ferita non si rimarginasse.

A chi appartengono i morti di Lampedusa?
Lo diceva il suo conterraneo Totò

Sti ppagliacciate ‘e ffanno sulo ‘e vive:
nuje simmo serie… appartenimmo à morte!”

Related Posts

Generic selectors
Affina la ricerca
Cerca nel Titolo
Cerca nei contenuti
Cerca negli articoli
Cerca nelle pagine
Cerca per Categorie
2012
2013
2014
2015
2016
2017
2019
2020
2021
Antigone Doppler
Appunti sulla lotta di classe
Articoli
Concerto Terni
Convegni
Cotonificio Pordenone
Dai racconti di Cecafumo
Diari
Discorsi alla nazione
Documentari
Espresso
Il Fatto Quotidiano
Il Manifesto
Internazionale
Interviste
La Fabbrica
La fine del mondo
La Repubblica
Left
Letture sul Rwanda
Ovadia Frankie Paolini
Ovadia Frankie Paolini
Parole Sante
Pecora Nera
Petit Pays
Piera Comin
Pubblicazioni
Punti Verdi
Ricerca sul campo
Rubiera con Cofferati
Saccarino
Scemo di guerra
Senza paura
Spettacoli
Storie di Terni
Tempo Reale
Tempo Reale
Trasmissioni TV
Video
Vita Morte e Miracoli
Viva la democrazia di Battista
Viva la sposa

Generic selectors
Affina la ricerca
Cerca nel Titolo
Cerca nei contenuti
Cerca negli articoli
Cerca nelle pagine
Cerca per Categorie
2012
2013
2014
2015
2016
2017
2019
2020
2021
Antigone Doppler
Appunti sulla lotta di classe
Articoli
Concerto Terni
Convegni
Cotonificio Pordenone
Dai racconti di Cecafumo
Diari
Discorsi alla nazione
Documentari
Espresso
Il Fatto Quotidiano
Il Manifesto
Internazionale
Interviste
La Fabbrica
La fine del mondo
La Repubblica
Left
Letture sul Rwanda
Ovadia Frankie Paolini
Ovadia Frankie Paolini
Parole Sante
Pecora Nera
Petit Pays
Piera Comin
Pubblicazioni
Punti Verdi
Ricerca sul campo
Rubiera con Cofferati
Saccarino
Scemo di guerra
Senza paura
Spettacoli
Storie di Terni
Tempo Reale
Tempo Reale
Trasmissioni TV
Video
Vita Morte e Miracoli
Viva la democrazia di Battista
Viva la sposa

© 2021 Ascanio Celestini. All Rights Reserved.